Le news di sTRANO nETWORK

INCALZA UNA NUOVA (SANTA) INQUISIZIONE ?

Il gruppo di lavoro sulla comunicazione sTRANOnETWORK esprime la propria preoccupazione in merito ai recenti episodi di censura accaduti in Italia e che coinvolgono direttamente o indirettamente la liberta' di espressione in Rete (Internet).

Prima le edizioni TOPOLIN poi il caso Avana sulla scia di un clima inspiegabilmente irrazionale sul tema pedofilia che vede un bruciatore in pubblica piazza di bambole ritenute scollacciate tutto ad un tratto considerato affidabile consulente di procure di mezza Italia ci portano tristemente a concludere che sta incalzando una nuova inquisizione strumentalmente adoperata per censurare parti scomode della Rete.

In particolare il caso della Rete civica romana (si noti bene non lo spazio istituzionale del Comune ma quello che dovrebbe essere autogestito dai cittadini stessi) oscurata in molti suoi pezzi dopo che su sollecitazione del bruciatore di bambole sono stati trovati testi e immagini considerati ne' illegali ne' tantomeno pedofili ma piu' semplicemente non in linea con la nuova politica perbenista del Comune di Roma e' secondo noi un caso da seguire con molta attenzione e sangue freddo.

Solidarizzando in particolare con il collettivo di Avana di Roma (principale ma non sola vittima di questa operazione censoria) siamo mobilitati fin da ora a fianco di chi e' disposto a difendere l'inviolabilita' dei minori intendendo per minori anche le piccole voci di dissenso che coraggiosamente si animano in Rete contro lo Stato di cose presenti

gruppo di lavoro sulla comunicazione sTRANOnETWORK


Indice delle news
Indice delle news